Una lezione che viene da lontano

Sesto Giulio Frontino visse nel I° secolo d.C. Era un grand commis dell’Impero Romano, e chiuse una brillantissima carriera politico amministrativa con la nomina da parte dell’imperatore Nerva come Curator aquarum, cioè responsabile dell’importante ufficio che sovrintendeva al servizio idrico della città e del territorio di Roma. Mentre ricopriva tale funzione scrisse l’interessantissimo libretto De aquaeductu Urbis Romae, fonte di importanti informazioni sull’acqua di Roma. Frontino era un amministratore esperto ed accorto; nel primo paragrafo dell’opera, scrive: “Ritengo … che il fondamento per ogni attività consista nel poter determinare quanto è da fare e quanto si deve evitare; considero d’altra parte sconveniente per una persona di un certo rango ricoprire l’incarico affidatole sulla base delle istruzioni dei suoi attendenti, cosa inevitabile ogni volta che l’inesperienza del sovrintendente fa ricorso alla pratica dei subalterni, i quali, pur essendo parti indispensabili dell’esecuzione, rimangono pur sempre le braccia e gli strumenti del responsabile.”

Una bella e chiara istruzione per tutti coloro che tentano di scusare l’inefficacia della propria azione amministrativa dandone la colpa ai sottoposti e alla burocrazia. Ed in effetti la responsabilità per tutto ciò che succede in un determinato ufficio è solo ed unicamente del responsabile. Nel bene e nel male.

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...