Una storia d’altri tempi (e d’altri uomini)

C’era una volta, in un Paese lontano, un uomo di governo che aveva dei figli. Capita, direte. Certo, ma il fatto che voglio raccontarvi è un altro, del quale l’inizio di questa storia è solo la premessa.

Dunque, l’uomo di governo aveva dei figli; uno di questi, un giovanotto di bell’aspetto che godeva di un certo successo in società, lavorava in una società pubblica, azionista della quale era l’ente pubblico per la radio e la televisione di quel Paese. Il lavoro andava bene e gli dava le giuste soddisfazioni; si era sposato da poco, aveva un bimbo piccolo e tutto andava per il meglio.

Un giorno lo chiamò il padre; con l’affetto burbero che gli era proprio, e con un certo imbarazzo, gli comunicò che era stato nominato ministro delle comunicazioni, e che in ragione di tale incarico sarebbe stato titolare del potere di indirizzo e controllo sull’ente radiotelevisivo e, indirettamente, sulle società che l’ente controllava: non sarebbe stato corretto che il figlio del ministro lavorasse in un’azienda controllata, sia pure indirettamente, dal padre, quindi lo invitò a trovarsi un altro lavoro.

Rendendosi conto della ragionevolezza della richiesta, sia pur molto a malincuore, il giovanotto si dimise. Non era al governo la sinistra, cosicché trovò abbastanza presto un nuovo lavoro; proseguì la sua vita, ebbe figli e nipoti, fece carriera, e pian piano invecchiò. Gli rimase nell’animo il rimpianto per il cambiamento che gli era stato imposto, superato solo dall’amore e dal rispetto che nutriva verso il padre.

Questa è una storia avvenuta in un altro tempo e in un altro Paese; non sarebbe potuta succedere da noi, ai giorni nostri. Troppo differenti la società, le circostanze, la politica.

Troppo diversi, soprattutto, gli uomini.

La presente storia è frutto di immaginazione, e non fa riferimento a persone o fatti reali. Se ne volete sapere di più, fatevi vivi.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...