Discorsi da pollaio

“A dimostrare il basso livello del personale politico è sufficiente la mia presenza nel Governo, e che io sia Ministro!” È quanto, in una slancio di insolita sincerità, va ripetendo agli amici uno dei ministri di Renzi. L’affermazione è vera, anche se non rivelerò il nome del ministro che la va ripetendo: vera nella sua prima parte e vera nella seconda, certificata sincera anche dal suo contenuto autolesionistico. Posso comunque dirvi, per trasmettere un indizio, che non si farebbe errore dando dell’animale, o addirittura degli animali (plurale), a colui che viene citato.

Se la classe politica è di livello estremamente basso, questo dipende dall’altrettanto basso livello culturale e di conoscenze che caratterizza l’intera popolazione di questo povero Paese, che sta ancora pagando – e molto a lungo ancora pagherà – il conto del ’68, quando si interruppe il delicato processo di trasmissione della conoscenza e furono proiettati in funzioni di insegnamento una massa di ignoranti protervi che erano stati promossi, nella scuola e nell’Università, esclusivamente per motivi politici. Complice, naturalmente, la viltà delle molte brave persone che resero possibile l’operazione e che almeno nella circostanza si macchiarono di tradimento.

Ad ulteriore dimostrazione dell’insufficienza del nostro sistema scolastico, arrivano ora i dati relativi alla maturità 2015: promossi quasi il 95% dei candidati (con le più alte percentuali in Campania, Puglia e Sicilia regioni nelle quali notoriamente non esiste un sistema di creazione clientelare del consenso). Dovrebbe essere chiaro a tutti che se il 95% dei candidati la supera, la prova superata ha valore basso o nullo: infatti solo attraverso la selezione, che presuppone anche un certo numero di esclusioni, si può arrivare a formare un gruppo di persone valide, utili alla società ed al sistema economico produttivo, degne di costituire una classe dirigente che meriti questa qualifica.

Saremo in grado di recuperare lo stato di degrado della nostra vita pubblica? E quando? Ma soprattutto, come?

Non è compito mio fornire ricette, che del resto non possiedo. So solo che per ottenere qualunque risultato sono necessari volontà, impegno, disponibilità a sacrificarsi, serenità nel riconoscere le gerarchie. Esattamente tutto quel che manca alla maggioranza dei miei e vostri connazionali

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...