Sulla democrazia, e sull’essere democratico solo a parole

Quando ragioniamo di referendum (quello inglese fatto e quello italiano che verrà, se e quando a lorsignori i detentori del potere parrà opportuno) si pongono molti problemi, che non aspiro certo a risolvere qui e adesso; però, dopo aver sentito le scempiaggini che hanno detto non pochi che hanno voce in pubblico, ex Presidenti della Repubblica ed ex Presidenti del Consiglio, per esempio, che pretendono di dire cose sensate e importanti, mi vien voglia di alzare il dito e dire qualcosa anch’io, che non sono una persona importante, ma ho una testa sulle spalle che più o meno funziona ancora, nonostante l’età e gli acciacchi: quindi parlo e dico la mia. D’altro canto, così ho sempre fatto e il mal di fegato non m’è ancora venuto.

Allora, veniamo a noi. Alcuni autodefiniti sapientoni, che in effetti sono solo dei millantatori di una sapienza inesistente, sostengono che la complessità dei quesiti oggetto di referendum è tale da non consentire una scelta consapevole ai comuni cittadini, sprovvisti di un grado elevato di scolarizzazione e della giusta sensibilità; una scelta cosciente sarebbe possibile solo ad alcuni ottimati, che poi significa a loro e a coloro che loro scelgono, sapendo che la pensano come loro. Questa posizione è emersa in modo esplicito solo dopo il brexit, che ha dato un esito imprevisto e sgradito a lorsignori: e se il referendum italiano bocciasse la legge già approvata? Guai per Napolitano, che avrebbe fatto carte false, si sarebbe speso e impegnato ben al di là della correttezza richiesta alla sua funzione, per restare con in mano un pugno di mosche. Guai per Monti, che avrebbe dato un’altra dimostrazione, casomai servisse, dell’inutilità della sua vita politica per chiunque altro non fosse lui stesso (e i suoi più stretti parenti?). E ci sarebbe da andare a lungo con i nomi, ma vi confesso che non mi va di infastidirmi e infastidirvi più di tanto.

In effetti esprimere questi dubbi sul valore di un referendum nel quale tutti i cittadini possano esprimere la loro opinione, ed i tentativi di sventarlo, sono conseguenza della scommessa pro Renzi (e a vantaggio delle persone e dei poteri, forti e deboli, che lo sostengono). Nulla di nuovo: esiste una abitudine inveterata, e costantemente confermata, di questa gente ad operare in conto terzi, riscuotendo in cambio cospicue contropartite e parcelle principesche.

E guai a chi dissente! Ricordate Edoardo Bennato (Arrivano i buoni)? Come i buoni della canzonette, anche questi l’elenco l’hanno già fatto: i cattivi perché siano respinti nel freddo e nel buio, i buoni – cioè i vicini al sole – perché siano ben sistemati alla luce e al caldo, a prescindere dalle loro capacità e attitudini: del resto, se una modesta avvocaticchia ha potuto fare il Ministro delle Riforme Istituzionali, un imprenditore del sottobosco sarà responsabile della sicurezza informatica, e il salumaio di regime è riuscito a diventare un grande concessionario dell’Expo senza superare alcuna gara, allora tutto è possibile.

Dovrebbero ricordare, lorsignori, che, qualunque possa essere l’importanza dei quesiti referendari, essa non potrà superare l’importanza di una scelta per la quale nessuno contesta il suffragio universale: quella che si effettua alle elezioni per scegliere chi governerà il Paese.

Non prendetemi troppo sul serio, ve ne prego, quando dico che se comunque qualcuno si dovesse escludere, sarebbero coloro che hanno aderito a posizioni liberticide e antinazionali; non prendetemi sul serio: l’ipotesi è un assurdo, perché io una volta tanto sto con Voltaire, quando diceva: “Io combatto la tua idea, che è diversa dalla mia, ma sono pronto a battermi fino al prezzo della mia vita perché tu possa esprimerla liberamente.” Ma l’avranno capito, o almeno letto Voltaire, lorsignori?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...